Banca d'Italia: dieci istituti di credito a rischio liquidazione

Le banche italiano a rischio secondo la Banca d'Italia

visco-ignazio-infophoto.jpg


La Banca d'Italia non batte più moneta, ma continua ad esercitare il servizio di vigilanza su banche ed altre istituzioni finanziarie. Un anno difficile quello che si è chiuso, e anche il 2012 si annuncia difficile. Secondo la banca centrale ci sono dieci istituti di credito in amministrazione straordinaria.

Eccovi l'elenco:


1) Delta/SediciBanca spa (Bologna-Roma),


2) Bcc di Cosenza (Cosenza),


3) Cassa di Risparmio di Rimini (Rimini),


4) Bcc di Tarsia (Cosenza),


5) Bcc "Luigi Sturzo" di Caltagirone (Catania),


6) Bcc di Altavilla Silentina e Calabritto (Salerno),


7) Banca Network Investimenti spa (Milano),


8) Istituto per il Credito Sportivo (Roma)


9) Banca Tercas - Cassa di Risparmio della Provincia di Teramo (Teramo)


10) Bcc Monastir e del Sile (Treviso).


Come indica il sito della Banca d'Italia: "Se la crisi non presenta caratteri di irreversibilità, la banca può essere sottoposta ad amministrazione straordinaria. Questa è disposta con decreto del Ministro dell'Economia e delle Finanze, emanato su proposta della Banca d'Italia, cui spetta la nomina degli organi straordinari".


In ogni caso i correntisti di queste banche sono protetti dal Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi o al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo, come spiega quest'altra pagina del sito della Banca d'Italia.





Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO