Cellulari, le tariffe e i costi sono tutti uguali? Un motore di calcolo per capire cosa vi conviene

Scritto da: -

questionario.jpg

La spesa per la telefonia mobile rientra oramai a pieno titolo tra le voci inserite nel budget delle famiglie italiane, visto che tutti possiedono almeno un apparecchio di telefonia mobile a testa.

In pochi però fanno attenzione alle tariffe applicate, e in pochi decidono di conseguenza di cambiare gestore per risparmiare. Non è vero, infatti, che le tariffe sono tutte uguali, soprattutto se si confrontano le opzioni e i costi per il traffico internet.

Il risparmio è possibile, ma per ottenerlo è necessario comparare le tariffe dei vari operatori. Un’attività che richiede tempo e che spinge molti a rinunciare.

Un aiuto proviene dai c.d. “Motori di calcolo”, che permettono in pochi minuti di sapere se la tariffa che si usa è realmente conveniente o se ne esistono altre che fanno spendere meno. In merito l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha, anche, approvato una specifica delibera per promuoverli.

Adiconsum con l’Osservatorio MI CONVIENE ha posto sotto osservazione ben 8 motori di calcolo finora esistenti. L’Osservatorio MI CONVIENE di Adiconsum è un valido strumento per il consumatore perché permette in maniera del tutto gratuita e senza eccessive perdite di tempo  utilizzare vari motori e di conoscere se la tariffa con cui si chiama è davvero la più conveniente per le proprie esigenze oppure no.

Il consiglio ai consumatori è quindi di non fidarsi di un solo motore di comparazione. Testate più motori, prima di cambiare tariffa. Per accedere all’Osservatorio basta andare sulla home page del sito di Adiconsum, www.adiconsum.it e cliccare sull’apposito bottone.

Nell’Osservatorio i consumatori trovano i link dei principali motori di calcolo, così da poterli usare, e i 12 criteri da verificare per una corretta valutazione della loro funzionalità.

I consumatori che visitano l’Osservatorio MI CONVIENE diventano protagonisti perché rispondendo ad un breve questionario permetteranno ad Adiconsum di redigere, ogni 6 mesi, una classifica e indicare la qualità dei motori di calcolo in uso.

Inoltre essi possono esprimere liberamente le proprie osservazioni, critiche o apprezzamenti lasciando un proprio commento.

Adiconsum invita quindi i consumatori a visitare l’Osservatorio perché la comparazione aiuta tutti: i consumatori a risparmiare e le aziende a migliorare il servizio.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!